Circolo di studio

Il circolo di studio nasce per riunire professionisti di diversa formazione, interessati ad approfondire, sotto molteplici aspetti, tematiche educative e di cura.

L'intento è scambiare saperi ed esperienze.

Gli incontri, sovente a carattere residenziale, si articolano attraverso interventi frontali, esperienze laboratoriali, visione di filmati, fotografie e materiali, discussioni di gruppo.

Aderire al circolo comporta impegnarsi a partecipare quanto più regolarmente possibile agli incontri, contribuendo attivamente ai lavori, nell'ottica di cooperare per alimentare dal basso circuiti virtuosi di formazione autogestiti e autofinanziati. Il circolo può invitare esperti e testimoni.

Le attività del circolo

2017

Al momento sono attivi due gruppi di studio e ricerca
lo sviluppo motorio nel bambino
il gruppo intende approfondire la capacità di leggere i bisogni intimi del bambino entro una cornice olistica che considera indistinguibi soma e psiche: la nostra ricerca muove dai lavori di E. Pikler, M. Montessori, E. Goldschmied, H. Wallon per riflettere su come oggi si possa aiutare gli adulti ad avere atteggiamneti e comportamneti più rispettosi e consapevoli nello svolgimento del loro ruolo educativo.
Partecipano pedagogisti e psicomotricisti
Come cambiano le biblioteche in Italia e nel mondo
Il gruppo, in forte prevalenza composto da bibliotecari impegnati in azioni e sperimentazioni volte a coniugare le funzioni tradizionali della biblioteca con le nuove richieste del contesto sociale, si documenta sulle diverse interpretazioni e sui vari modelli organizzativi, per favorire un confronto critico, capace di valorizzare le buone pratiche e diffonderle. Esperienze attuate direttamente o visitate attraverso appositi viaggi studio sono messe a disposizione di tutti i partecipanti. Anche al modello di lavoro del  “Design Thinking” è posta una specifica attenzione, grazie all'esperienza diretta di una partecipante che lo ha sperimentato personalmente durante una permanenza al DOKK1 di Aarhus (Danimarca)

2016


8-9-10 luglio 2016 a Fasano del Garda (BS)
Seconda edizione del circolo di studi residenziale, sul tema: accendere lo sguardo, cosa osservare e come farlo? salvaguardare un approccio olistico anche quando si osserva e documenta. 
Il gruppo multidisciplinare torna a riunirsi per esplorare i risultati delle piste di lavoro sperimentate, e confrontarsi su alcune ipotesi.
partecipano: bibliotecario, pedagogista, psicomotricista, sociologo

2015


4-5 luglio 2015 a Fasano del Garda (BS)
Si è svolto il primo incontro residenziale per approfondire il tema:il rapporto soma-psiche. 
Il gruppo, con la sua eterogenietà di sguardi, si è interrogato su come realizzare una cerniera tra saperi tradizionali e recenti, allo scopo di favorire uno scambio intergenerazionale mantenendo elevata la qualità di contenuti e metodi.
In particolare il circolo si è preoccupato di codificare con quale cassetta degli attrezzi si può andare ad esplorare territori ancora fertili, quali strategie inclusive adottare, come preservare l'integrità di esperienze e approcci riuscendo a declinarle con quanto prodotto da studi recenti.
L'ottica olistica, che caratterizza i lavori, mira a ponderare criticamente, a sperimentare riconoscendo nell'errore una fonte di conoscenza, ad allargare lo sguardo avvalendosi di professionalità e sensibilità diverse.
Il circolo tornerà a riunirsi al completo, in forma residenziale, nei giorni 8-9-10 luglio 2016 per condividere l'esito delle ricerche e degli approfondimenti che i partecipanti porteranno avanti, individualmente o per sottogruppi, durante l'anno.